top of page

Stress da lavoro e workaholism: come difendersi

Nella società moderna, dove l'efficienza e la produttività sono spesso considerati parametri principali del successo, il workaholism (ossia la dipendenza dal lavoro) è diventato un fenomeno sempre più comune, rientrando a pieno tra le “new addiction”. Ma cosa significa esattamente essere un workaholic? E perché è essenziale, soprattutto durante l'estate, staccare la spina dal lavoro?

Il termine workaholism deriva dall'inglese "work" (lavoro) e "alcoholism" (alcolismo), suggerendo una dipendenza patologica dal lavoro. Un workaholic è una persona che dedica una quantità eccessiva di tempo ed energie al proprio lavoro, spesso a scapito della vita personale e del benessere psicofisico. Questa condizione può portare a conseguenze gravi come stress cronico, burnout, problemi di salute e difficoltà nelle relazioni interpersonali.

Le radici del workaholism possono essere molteplici e variare da persona a persona. Tra le cause più comuni troviamo le pressioni sociali e culturali, dove in molte culture il lavoro è visto come un indicatore di valore e successo personale, spingendo così le persone a lavorare di più per essere riconosciute e rispettate. Le aspettative personali giocano un ruolo cruciale, con alcuni individui che hanno standard molto alti e si sentono obbligati a raggiungere sempre risultati eccellenti. Inoltre, per alcune persone, il lavoro può diventare un modo per evitare problemi personali o emotivi.

Tra i segni che indicano la presenza di dipendenza da lavoro ricordiamo: la tendenza a lavorare più di 8 ore al giorno, evitare di assentarsi dal lavoro, preoccupazioni ricorrenti su tematiche lavorative e tendenza a trascurare i propri bisogni personali.

Al contrario di quanto ci si potrebbe aspettare,  pur dedicandosi molto al lavoro, il workaholic non sempre presenta alti livelli di performance lavorative; mentre, infatti alcuni workaholic sono caratterizzati da un forte orientamento al successo nella vita lavorativa, altri presentano scarse performance, bassi livelli di soddisfazione lavorativa e alti livelli di ansiastress da lavoro, problemi fisici e psicologici. 

L'estate rappresenta un'opportunità perfetta per staccare la spina e rigenerarsi. È fondamentale prendere una pausa dal lavoro per diverse ragioni. Innanzitutto, il nostro corpo e la nostra mente hanno bisogno di riposo per funzionare al meglio. Staccare la spina aiuta a ridurre lo stress e a prevenire il burnout. Trascorrere del tempo di qualità con la famiglia e gli amici rafforza i legami e migliora il benessere emotivo. Paradossalmente, prendersi una pausa può aumentare la produttività a lungo termine, poiché un periodo di riposo permette di tornare al lavoro con energia e motivazione rinnovate. Le pause possono anche stimolare la creatività, lontani dalle pressioni quotidiane, la mente è libera di vagare e di generare nuove idee.

Per staccare la spina in modo efficace, è utile delegare le responsabilità lavorative, riducendo così l'ansia legata all'assenza dal lavoro. Limitare l'uso di dispositivi elettronici e delle e-mail di lavoro durante le vacanze è fondamentale per un vero distacco. Praticare attività rilassanti come la meditazione, leggere un libro o fare lunghe passeggiate nella natura può aiutare a rilassarsi e rigenerarsi. Infine, è importante stabilire confini chiari, comunicando chiaramente ai colleghi e ai superiori i propri tempi di assenza e la disponibilità limitata per prevenire interruzioni durante le vacanze.

Un ulteriore strumento utile per combattere il workaholism e promuovere un sano equilibrio tra vita professionale e personale è il coaching aziendale. Il coaching aziendale è un processo di supporto individuale o di gruppo, mirato a migliorare le competenze, le prestazioni e il benessere dei dipendenti. Attraverso sessioni di coaching, i lavoratori possono imparare a gestire meglio lo stress, a sviluppare tecniche di gestione del tempo e a identificare e perseguire obiettivi personali e professionali in modo equilibrato. Il coaching aziendale aiuta anche a creare una cultura aziendale più consapevole e attenta al benessere dei dipendenti. I coach possono lavorare con i manager per sviluppare strategie che promuovano un ambiente di lavoro più sano, riducendo le aspettative irrealistiche e incoraggiando pratiche sostenibili di lavoro. Questo tipo di supporto può essere particolarmente utile durante i periodi di maggiore stress, come prima delle vacanze estive, aiutando i dipendenti a prepararsi per staccare la spina e a ritornare al lavoro più riposati e motivati.

Il workaholism è un fenomeno sempre più diffuso che può avere conseguenze negative sulla salute e sul benessere complessivo. Tuttavia, staccare la spina dal lavoro, specialmente durante l'estate, non solo è possibile ma anche necessario per recuperare energia, migliorare le relazioni personali e aumentare la produttività. Prendersi una pausa non è un lusso, ma una necessità per mantenere un equilibrio sano tra vita professionale e personale.




287 visualizzazioni0 commenti

Comments


bottom of page