foto-arttrionfi_orig.jpeg

Un nuovo professionista aiuterà la famiglia. 
​Che cos'è il Coadiuvante del Giudice e come possiamo formarci per diventarlo.

La riforma Cartabia del Codice Civile diventa operativa da domani, 24 dicembre 2021. Assisteremo ad una vera rivoluzione del processo civile ed in particolare del processo di famiglia: il tribunale per i minorenni e il tribunale ordinario saranno riuniti in un unico Tribunale per la Famiglia e molto più spazio viene dato alla collaborazione con i professionisti specializzati sulle relazioni familiari e sulla tutela del minore.
In particolare verrà introdotta una nuova figura fondamentale per favorire la serenità della famiglia e la tutela dei figli. La figura del Professionista Coadiuvante del Giudice.
L'articolo 1, comma 23, lettera EE prevede "la facoltà per il giudice, anche relatore, su richiesta concorde di entrambe le parti, di nominare un professionista, […] dotato di specifiche competenze in grado di coadiuvare il giudice per determinati interventi sul nucleo familiare, per superare conflitti tra le parti, per fornire ausilio per i minori e per la ripresa o il miglioramento delle relazioni tra genitori e figli".
Stiamo parlando di una nuova figura specializzata nelle relazioni familiari e nella tutela del minore, presumibilmente, uno psicologo, un neuropsichiatra, un educatore, un assistente sociale o anche un avvocato, a patto che abbia grande esperienza nel settore: dovrà essere formato e preparato per poter contenere il conflitto genitoriale, aiutare i figli e le relazioni della famiglia.

Finalmente i servizi sociali potranno essere sgravati dall'onere faticoso di contenere le liti tra coniugi in separazione ed potranno dedicarsi alla tutela del minore.
Finalmente il tribunale amministra il suo potere decisionale delegandolo ad un tecnico, ad un professionista che deve dimostrarsi massimamente competente.
Il Master su "Le Relazioni Familiari e la Tutela del Minore" organizzato già da qualche anno dal Centro Studi Famiglia è oggi senza dubbio lo strumento formativo più avanzato per prepararsi a questa nuova professione. Permette anche di acquisire il diploma di Coordinatore Genitoriale e riunisce tra i suoi docenti i maggiori professionisti del settore tra cui anche chi questa legge ha contribuito direttamente a scriverla, come il prof. Filippo Danovi, Vice capo dell’Ufficio Legislativo del Ministero della Giustizia.
Riportiamo di seguito alcuni secondi della sua ultima lezione al Master in cui ha illustrato il progetto di legge.